martedì 21 aprile 2015

Martina Hoogland Ivanow: Far Too Close

"Vedo il buio come un modo di astrarre e prestare particolare attenzione a certi dettagli. Trovo che a volte sia più generoso dedurre informazioni, piuttosto che darne troppe".

La serie fotografica Far TooClose” di Martina Hoogland Ivanow esplora il rapporto ambiguo della distanza, sia fisica che emotiva. I concetti di vicinanza e lontananza sembrano intrecciarsi in immagini pittoriche che ci immergono in un’atmosfera altamente emotiva. 
Nata a Stoccolma nel 1973, Martina Hoogland Ivanow studia fotografia presso la Parsons School of Design a Parigi e New York. Attraverso un’affascinante estetica oscura, la fotografa svedese collega ritratti di familiari con i paesaggi di alcuni dei luoghi più remoti e lontani della terra, come la Siberia, l’Isola di Sakhalin nel nord del Giappone,  la Terra del Fuoco in Argentina e la penisola di Kola in Russia. 
In un lungo viaggio di sette anni, Martina ha costruito un racconto visivo dove la relazione tra  la storia personale e  i vari ambienti sembra perdere  il significato spaziale. Ciò che lontano appare vicino e ciò che è vicino così lontano.  
I colori del ricordo sembrano averne uniformato il tutto. Immagini intense e struggenti, dove il buio diventa una guida silenziosa. Da esso emergono ovattati particolari che tessono una storia sensibile e delicata. 
Vi consiglio di dare uno sguardo al sito dell’artista per avere una visione completa della sua opera.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | coupon codes