martedì 25 settembre 2012

I soldati di Suzanne Opton

"Nei ritratti dei soldati ho voluto dare luce a volti di giovani che hanno visto qualcosa di indimenticabile. Ho chiesto a ogni soldato di mettere la testa sul tavolo al fine di creare un'immagine provocatoria che mostri la solitudine e la vulnerabilità di chi torna da una guerra".   

Suzanne Opton nasce nel 1950 a Portland. Dopo aver studiato filosofia, si avvicina alla fotografia da autodidatta. Attualmente vive a New York, dove insegna presso il Centro Internazionale di Fotografia (ICP)
Con la serie "Soldier" la Opton riesce a coglier la fragilità umana dei soldati, attraverso dei ritratti di giovani militari tornati dal fronte iracheno e afghano. Mediante una posa alquanto peculiare, la fotografa americana rende visibili le cicatrici dell'anima che lo scontro bellico inevitabilmente infligge. La testa dei soldati viene ritratta appoggiata su un tavolo, come se il corpo avesse perso la linfa vitale e lo sguardo si perdesse nel vuoto. 
 Piuttosto che limitarsi a esporre le immagini in una galleria, dove avrebbero raggiunto un pubblico limitato, la Opton ha esposto le fotografie su cartelloni pubblicitari in tutto il paese, riscuotendo reazioni polemiche e apprezzamenti. In "Many Wars" Suzanne Opton continua il racconto riguardante i soldati, concentrandosi sulla sindrome post-traumatica da stress
I soldati appaiono avvolti in una coperta pesante, come l'eredità di una guerra mai terminata. Ritratti fragili, intimi, dei ricoverati per disturbi da DPTS, in una clinica medica per veterani nel Vermont. 
Vi consiglio di dare uno sguardo al sito dell'artista per avere una visione completa della sua opera.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | coupon codes