martedì 15 marzo 2011

Miyako Ishiuchi: il fascino dell'anomalia

“Non riesco a smettere di scattare fotografie di cicatrici perché sono così belle come una fotografia. Sono eventi visibili, che ricordano il passato. Sia le cicatrici che le fotografie sono manifestazioni di dolore che non possono essere più recuperate”.


Alcune fotografie posseggono il dono di trascendere il visivo, innescando sentimenti così forti da essere palpabili. Oltre ad ispirare un crescendo di emozioni, queste immagini aumentano l'esperienza sensoriale della memoria. Le foto di Miyako Ishiuchi rappresentano il residuo agrodolce del cambiamento inevitabile. Miyako Ishiuchi nasce il 27 de marzo de 1947 a Nitta, distretto di Gunma. Dopo essersi trasferita con la famiglia a Yokosuka, alla fine del 1960 si trasferisce a Tokyo per studiare design tessile presso la Tama Art University


Avendo, tuttavia, ben presto iniziato con il lavoro fotografico, lascia gli studi prima di laurearsi. Nello stesso anno espone le sue prime fotografie sotto il nome da nubile della madre, Ishiuchi Miyako, che  da allora adotterà come suo. Nel 1970 torna a Yokosuka  e si confronta con paure della città in cui è cresciuta, fotografando il familiare e l'ignoto. Usando i soldi che suo padre aveva salvato per il suo futuro matrimonio, produce le  stampe e pubblica il libro Yokosuka Story, che prende il nome da una canzone pop giapponese. 


Miyako fa parte di un  gruppo di fotografi giapponesi, tra cui Shomei Tomatsu e Daido Moriyamache hanno affrontato il trauma post - bellico giapponese. Le sue foto tuttavia incarnano la vulnerabilità  e le atmosfere del periodo, attraverso una profonda indagine del corporeo. Le immagini della fotografa giapponese restituiscono fascino all’anomalia e raccontano la bellezza, dove solitamente non riusciamo a guardare. Così la fragilità della vecchiaia, la caducità del corpo, l'imperfezione dello stesso diventano  seducenti metafore visive. Usando la macchina fotografica e il suo potenziale estetico per indagare l’intersezione tra gli aspetti politici e personali della memoria,  Miyako Ishiuchi  riesce a toccare le corde emozionali, attraverso un lavoro di spessore intimo e di sostanza concettuale.


Durante la sua brillante carriera fotografica, Miyako Ishiuchi è stata premiata con  il più alto riconoscimento giapponese per la fotografia: il premio intitolato a Ihei Kimura nel 1979 e con il prestigioso Hasselblad Award nel 2014. Ishiuchi ha pubblicato 20 libri, tra i quali segnaliamo: Yokosuka Story (1979), Endless Night (1981), To the skin (1947), Mother’s (2002) e Club and Courts Yokosuka Yokohama (2007).


In Europa, Miyako si è fatta conoscere con la serie "Mother's”. Mediante degli scatti ricchi di elementi poetico/visivi, Ishiuchi Miyako ha svelato il corpo della madre anziana, in particolare la pelle danneggiata da una ustione. Dopo la morte della madre, Ishiuchi ha ampliato questo progetto, concentrandosi sugli oggetti intimi rimasti,  come la dentiera, un paio di guanti con i polpastrelli consumati, una spazzola le cui setole detengono ancora ciocche di capelli sottili .


Gli scatti narrano il racconto di una storia conclusa fisicamente, ma che lascia tracce incancellabili nel cuore. Tracce di dolce ricordo, e anche di sensualità, con una cura quasi feticista nella rappresentazione e nella ricerca dei particolari. Un parlare della memoria individuale che si allarga e diventa metafora collettiva della memoria di un intero paese. Vi consiglio di dare uno sguardo alla pagina web dell'artista per avere una visione completa della sua opera. Se volete, inoltre, approfondire le nuove correnti fotografiche e i nuovi autori della fotografia artistica vi rimando alla sezione del blog Fotoartistica.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | coupon codes