martedì 8 febbraio 2011

L'Africa di Nick Brandt, fotografie epiche di animali selvaggi

“Pochi fotografi hanno considerato la fotografia di animali selvaggi come una forma d'arte. L'enfasi è stata posta, in genere, sul cogliere la spettacolarità degli animali in azione, sul catturare il singolo momento drammatico, in opposizione agli animali colti semplicemente nel loro stato di essere. Ho sempre considerato questo come un'opportunità sprecata”.
Nick Brandt è un fotografo inglese noto per immagini in bianco e nero piene di luci drammatiche dove gli animali non sono soltanto personaggi principali, ma attori consumati di quadri compositivi di straordinaria bellezza. 
Nato a Londra nel 1966, Nick Brandt studia cinema e pittura alla St. Martin's School of Art. Trasferitosi negli Stati Uniti nel 1992 (oggi vive in California), si dedica con successo alla regia di videoclip per artisti del calibro di Michael Jackson (Earth Song, Stranger in Moscow) e Moby. Durante la direzione di Earth Song, in Tanzania nel 1995, si innamora dell’incredibile fauna africana e dei meravigliosi paesaggi della savana.
La sua carriera fotografica inizia nel 2000, in Africa. Nel 2005 pubblica il suo primo libro, On this Earth; espone nelle più grandi gallerie di Londra, Berlino, Amburgo, New York, Los Angeles, Santa Fè, Sydney, Melbourne e San Francisco. Nel 2009 pubblica A Shadow Falls, il secondo libro della trilogia che dovrebbe completarsi intorno al 2013.  
Il suo metodo di lavoro consiste nel fotografare con una fotocamera analogica medio formato (la Pentax 6x7), passare a formato digitale tramite scanner e ritoccare il risultato con Photoshop, usando spesso il trattamento HDR per amplificare la drammaticità degli scatti. “A parte l'uso di certe tecniche fotografiche, c'è una cosa che  credo faccia la differenza: mi avvicino molto a questi animali selvaggi, spesso a poche decine di centimetri da loro. Non uso teleobiettivi. Questo perché voglio vedere quanto più possibile cielo e paesaggio, vedere gli animali nel contesto del loro ambiente. In questo modo le foto riguardano tanto l'atmosfera del luogo, quanto gli animali. Inoltre, essendo così vicino ottengo una sensazione di intimo contatto con  l'animale che mi è di fronte”
La fotografia di Nick Brandt si caratterizza per l’uso di un bianco e nero pittorico dai tratti epici. Il fotografo inglese, attraverso un sapiente uso della composizione, ritrae animali maestosi che sembrano quasi in posa, in una natura spoglia e solenne. Ogni scatto rende omaggio ad una natura incontaminata e salvaguardata dalla cruda realtà, come fosse un Eden che sopravvive nel nostro immaginario. 
Primi piani intensi, profili intimi ed emozionanti di animali che vivono in una placida e totale simbiosi con il loro habitat. Immagini idilliache e romantiche di un continente incantato, elegia di un mondo che sta costantemente e tragicamente svanendo.



0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | coupon codes