lunedì 8 novembre 2010

Cos'è l'ISO? - Corso di fotografia


L’ISO rappresenta in fotografia l'unità di misura della sensibilità della pellicola o del sensore.
Nel campo della fotografia  digitale è tuttavia necessaria una precisazione riguardo al termine "sensibilità ISO. Il sensore nasce, infatti, con una sua intrinseca sensibilità che non può essere variata. Pertanto dal sensore esce sempre un segnale di intensità proporzionale alla intensità della luce incidente. Con diversi valori ISO si determina "a posteriori" il grado di amplificazione del segnale in uscita dal sensore.Nella fotografia a pellicola, invece il fattore ISO rappresenta una caratteristica fisica della pellicola.


In generale più questo valore è basso (es. 100) più la pellicola o la cattura del sensore è lenta ad essere impressionata dalla luce, più è alto (es. 1600) meno tempo ci vuole. Le immagini generate hanno, tuttavia, associato un effetto secondario chiamato rumore. Come per la vecchia pellicola, che all’aumentare della sensibilità aumentava la grana, nei sensori delle macchine digitali all’aumentare della sensibilità del sensore, aumenta il rumore.


Il vantaggio delle macchine digitali è la facilità di cambio di impostazione ISO grazie alla pressione di un solo tasto, al contrario, nelle macchine analogiche occorre cambiare la pellicola.
La velocità ISO ha un effetto diretto sulla combinazione velocità di scatto/apertura del diaframma. In un ambiente in cui la luce sia insufficiente, e per vari motivi non sia possibile utilizzare il flash, la sola opzione disponibile per poter riprendere la scena con una corretta esposizione rimane l'aumento della velocità ISO. Se si imposta "ISO Auto", la camera selezionerà automaticamente un valore più alto con derivanti problemi di rumore. Il consiglio è quindi di selezionare manualmente il numero di ISO.

 
Le dimensioni fisiche del sensore determinano la gamma di sensibilità ISO utilizzabile senza che le immagini soffrano troppo per il rumore digitale. La ragione principale è che un grande sensore può ospitare fotositi più grandi che hanno una maggiore capacità di raccogliere luce, e per conseguenza un rapporto segnale/rumore più favorevole. Pertanto un sensore più piccolo genera rumore in misura notevolmente maggiore rispetto al sensore più grande.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | coupon codes